• L'Alto Piemonte

    line
    In Piemonte troviamo i rilievi più alti d’Europa (come il Monte Bianco), ma oltre alle montagne ci sono anche territori collinosi, valli e la Pianura Padana. Qui nasce anche il Po, il fiume più lungo d’Italia. La gran parte del territorio è quindi costituita da rilievi montuosi e collinari e l’Alto Piemonte non fa eccezione.
    read more
    slider image
  • La Montagna Piemontese

    line
    Il territorio montuoso rappresenta una parte consistente del Piemonte, ne è infatti attorniato su tre lati (nord, ovest e sud) ed è proprio qui che si trovano le Alpi Graie, le alpi con le vette più alte d'Europa. Il Piemonte presenta pianure e territori collinari in un certo senso “incorniciati” da un'unica catena montuosa formata da infinite cime alte e ripide che si ergono a confine naturale tra Italia e Francia, toccando in parte anche la Svizzera. Sono le Alpi Occidentali, di cui fanno parte anche le Alpi Graie, famose per via del Monte Bianco, la vetta più alta d'Europa. In Italia le Alpi Graie si trovano fra Piemonte e Val d'Aosta, ma se in direzione della frontiera appaiono impervie, verso l'interno si mutano in colline che terminano in prossimità della Pianura Padana. Tuttavia ci sono diversi passi di montagna che non le rendono del tutto impenetrabili. Sulle Alpi Graie si trova anche la riserva naturale del Gran Paradiso, primo parco nazionale d'Italia. Tutte queste particolarità rappresentano le principali attrattive della montagna piemontese. Oltre ai parchi nazionali, dove è possibile effettuare escursioni durante tutto l'anno, ovviamente in Piemonte non mancano le piste da sci per il turismo invernale. Ci sono impianti in ben sei province: Alessandria, Biella, Cuneo, Torino, Verbania e Vercelli. Per alloggiare sono a disposizione alberghi di vario livello, b&b e agriturismi, ci sono anche rifugi per gli escursionisti, per questo è possibile programmare una vacanza più vicina possibile alle proprie esigenze. Sestriere e Bardonecchia, in Val di Susa, sono fra le mete più popolari sia per la storia turistica che per gli impianti sciistici all'avanguardia che hanno ospitato le Olimpiadi Invernali del 2006. Le catene montuose piemontesi sono costituite da massicci con ghiacciai e vette impervie che lasciano spazio a vallate e accoglienti zone collinari, ma spesso anche a crepacci e fitti boschi. Gli animali più comuni sono stambecchi e camosci, ma ci sono anche volpi e linci, mentre tra i volatili si annoverano aquile reali, sparvieri e diversi tipi di rapaci notturni.
    read more
    slider image
  • Val di Susa

    line
    La Valle si presenta come racchiusa fra le Alpi Graie e le Alpi Cozie proprio all’altezza del comune di Chiusa San Michele, al confine con la Francia. È percorsa dal fiume Dora Riparia: intorno ad esso e ai suoi affluenti di sviluppano le principali valli in cui vengono coltivati i vitigni piemontesi. Il terreno è ricco di minerali e rocce infatti l’intera area è molto interessante anche dal punto di vista geologico, ci sono inoltre molti laghi. La flora dei boschi è costituita da castagni, larici, pini e abeti di vario tipo, anche la fauna è molto ricca sia fra i mammiferi che fra uccelli e pesci. Il clima è tipicamente alpino con frequenti piogge sul lato delle Alpi Graie e più secco nella Cozie, tuttavia in inverno le precipitazioni nevose sono abbondanti su entrambi i versanti. Oltre allo sfruttamento del turismo invernale, l’economia della zona si basa su agricoltura e pastorizia, con prestigiosi vini e gustosi formaggi. La produzione di vino nella Valle coinvolge circa 23 ettari di territorio, una superficie in realtà non molto vasta ma di sicuro altamente specializzata, tanto che il 30% della produzione vinicola ricade sotto il marchio DOP Valsusa. Trattandosi di una zona di passaggio tra Italia e Francia, oltre ai vitigni locali esistono anche coltivazioni di piante di provenienza francese o di varietà miste, questo ha spinto molti imprenditori a investire sul territorio per cercare di creare vini sempre più particolari. Il vitigno tradizionale è l’Avanà, chiamato anche “Avenato” o “Vermaglio”, che è il più diffuso, ma ci sono anche Barbera, Dolcetto e Decouet coi quali si producono dei vini rossi DOC. La denominazione di origine controllata, ottenuta nel 1997, riguarda solamente il vino rosso autoctono le cui caratteristiche sono il color rubino con riflessi aranciati e il sapore molto intenso e acidulo.
    read more
    slider image

Il comune di Chiusa di San michele è un caratteristico comune montanoChiusa San Michele è un paesino di più o meno 1600 abitanti situato in Val di Susa, nella provincia di Torino, conosciuto principalmente per la presenza sul suo territorio di un’abbazia risalente al X secolo. Anche detta “Sacra di S. Michele”, è un’abbazia costruita in varie fasi durante il X secolo sul Monte Pirchiriano.
(altro…)

home title
Dal Blog home title
home title
home title

Il comune di Chiusa di San michele è un caratteristico comune montanoChiusa San Michele è un paesino di più o meno 1600 abitanti situato in Val di Susa, nella provincia di Torino, conosciuto principalmente per la presenza sul suo territorio di un’abbazia risalente al X secolo. Anche detta “Sacra di S. Michele”, è un’abbazia costruita in varie fasi durante il X secolo sul Monte Pirchiriano.
(altro…)

home title

Il comune di Chiusa di San michele è un caratteristico comune montanoChiusa San Michele è un paesino di più o meno 1600 abitanti situato in Val di Susa, nella provincia di Torino, conosciuto principalmente per la presenza sul suo territorio di un’abbazia risalente al X secolo. Anche detta “Sacra di S. Michele”, è un’abbazia costruita in varie fasi durante il X secolo sul Monte Pirchiriano.
(altro…)

line
footer